Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori

La mia grande passione per le leggende arturiane e argomenti affini è ben nota a chi mi conosce. Ho dovuto accantonare questo mio interesse per qualche tempo, ahimè, per lasciare spazio alla cultura classica che richiedeva la tutta la mia attenzione, accademica e amorosa (beh….forse quella non del tutto). Dopo la scorpacciata di esami inglesi, però, finalmente l’ho visto. LUI. IL film. Sono riuscita a vedere Excalibur. Visti i precedenti, temevo sarebbe stato uno dei tanti film che per disperazione, per stanchezza o per totale disappunto avrei abbandonato dopo nemmeno trenta minuti (vedi Clash of the Titans che non ho ancora avuto il coraggio di finire), invece, complice una temporanea allergia al classicismo, sono riuscita a restare incollata allo schermo per tutti i suoi 140 minuti.

La pellicola è datata 1981 e firmata John Boorman (dalle cui manine sono usciti film come Un Tranquillo Weekend di Paura  e Il Sarto di Panama). Tra gli interpreti troviamo nomi non troppo noti al panorama italiano insieme a Liam Neeson nel ruolo di Galvano e, sorpresa sorpresa, Helen Mirren (premio Oscar 2006 per The Queen). Tra gli appassionati del genere, è considerato il film meglio riuscito riguardo alle leggende arturiane. Io ho preferito tenere il mio approccio un poco scettico, ben conoscendo quanto posso diventare odiosa riguardo ai riferimenti storico- letterari mal riusciti. Oltre a questa mia pignoleria, che mi porta, purtroppo, a non apprezzare la maggior parte dei film storici, devo aggiungere che gli ultimi prodotti cinematografici/televisivi sull’argomento fanno abbastanza accapponare la pelle a livello di accuratezza di trama: Merlin, che non so nemmeno perché sto citando e Camelot, la cui unica perla è l’interpretazione di Morgana di Eva Green; poi, cinematograficamente parlando, King Arthur, sui cui vorrei spendere solo il tempo necessario per dire “ma quando mai?”. Una lancia va spezzata per Il Primo Cavaliere, anche se non sono del tutto convinta di Richard Gere nel ruolo di Lancillotto.

Stranamente, quindi, mi ritrovo ad approvare quasi a pieni voti Excalibur. Belle ambientazioni e accurata la trama. Memorabile, la danza di Lady Igraine (che potete visionare qui: http://www.youtube.com/watch?v=1YOL-Cm5RmQ), che dà il via alla storia. Ben riuscito anche il personaggio di Merlino, dall’aura distante come si addice alla sua levatura, ma un poco burbero. Altra lancia spezzo per Lancillotto, il cui amore puro per Ginevra penso passi efficacemente allo spettatore. Il film scorre, nonostante la lunghezza. Forse il fatto di conoscere già la trama mi ha diciamo aiutata a non annoiarmi durante la visione, ma continuo a sostenere che sia un buon film. Unico neo, forse, il personaggio di Parsifal. Non ho mai provato particolare simpatia per il personaggio letterario e questa pellicola non mi ha fatto cambiare idea a riguardo. Il suo modo di recuperare il graal, inoltre, mi ha lasciato un tantino basita e insoddisfatta. Temo che sia la parte meno scorrevole del film, ma, ahimè, necessaria al completamento della trama.

Infine, oltre ad un invito a vedere Excalibur e a farmi sapere un parere, vi lascio in compagnia di Ariosto, dalla cui opera, l’Orlando Furioso, ho tratto il titolo di questo post, che vorrei suonasse, alla luce della sua poetica, come un invito a non prendersi troppo sul serio.

See you soon!!

Annunci

2 thoughts on “Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori

  1. Brunez ha detto:

    figo Excalibur! comunque se sei in vena di film ispirati alle leggende arturiane c’è anche “Merlino e la battaglia dei draghi”, realizzato dalla mia casa di produzione cinematografica preferita, la Asylum… penso potrebbe appartenere alla schiera di film che ti fanno accapponare la pelle ma, considerando l’esplicita pezzenteria dell’opera e la mancanza assoluta di pretese, io l’ho apprezzato molto più dei vari Merlin o King Arthur

    per quanto riguarda l’Orlando Furioso io sono in attesa da anni di un film sulle opere di Boiardo e Ariosto (magari prendendo qualcosa anche dal Morgante di Pulci), chissà se un giorno arriverà qualcosa… se avessi i soldi lo farei io, avevo pure buttato giù un soggetto

    PS: mi ha detto la Diana che tu e la Giada siete tornate a casa… spero vi sia piaciuta la permanenza a Leeds, tornate pure a trovarci quando vi pare (o ci vediamo una volta che torno a casa anch’io)

    • talpragmatikos ha detto:

      Grazie del consiglio, cercherò di vederlo senza i miei pregiudizi di sorta! Comunque sì, siamo ritornate in patria 🙂 grazie dell’invito, comunque in un modo o nell’altro ci si becca 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...