We Are All Completely Behind Ourselves – NLBC October 2014

K. J. Fowler’s has chosen a surprisingly long title for her book, I have to say, but a witty one. We Are All Completely Beside Ourselves  was the North London Book Club choice for October 2014, discussed in front a good meal and a glass of wine in West Hampstead.

The book, shortlisted for this year’s Manbooker Prize, was presented in most of the reviews as a family drama, which I have to confess was not very appealing to me. Most of the time, I tend to prefer fantasy, historical and weird over literary fiction. As I am going to explain soon, We Are All Completely Beside Ourselves might have won my first reluctance towards literary fiction.

The story is about Rosemary’s family and how the relationship with her siblings have changed and shaped her. She starts her tale “in the middle”: she is now a student at UC Davies, struggling with her studies and with interpersonal relationship. We are told that she once spoke a lot, to the point she could be annoying to others, but now she is very reclusive and tries to talk about her family the least. When she meets Harlow, a boisterous drama major,  a series of flashback are triggered, and we start understanding where her story started and, above all, where it it is going.

The plot construction is very lively and clever: the progression of the story and the flashbacks together feed the reader with small bites at a time, so that (s)he keeps feeling somehow tricked out of the complete context. The book is well written, and generally flows smoothly.

The only flaw I can find, and here I agree with my friends of the book club, is that Harlow is not a well developed character as she could be. I have come to think that her sole purpose was to bring Rosemary’s true personality on the surface during their first meeting. However, considering that she stays around for quite a long time, maybe something more could be said about her (like detailing a bit more the reason why she keeps lying about her family and her life), but I think I am just being overcritical here.

The story mainly revolves around family bonds, especially brotherhood and sisterhood: the most important events in Rosemary’s life are the disappearing of her sister Fern first, and of her brother next. These events have severe consequences in her family life, to the point that she represses some memories from that time. We Are All Completely Behind Ourselves is a beautiful story of self- (re)discovery and growth, which I warmly suggest to book lovers who like literary fiction and unexpected plot twists, even in apparently uncomplicated plots.

Because there is a great plot twist, but I am trying to write a spoiler-free review. Hence, read the book!

The Revenge of Snow White – Neil Gaiman’s The Sleeper and the Spindle

During the last month comics and graphic novels have been piling up on my floor; while my boyfriend managed to go through most of them, I struggled to keep reading one book at a time. Now that we are finally moving house, I hope I can get them out of the boxes and finally do them justice.

However, this was not true about the Sleeper and the Spindle, which happened to be piled among the graphic novels and I desperately wanted to read before packing, being a Gaiman’s fangirl.

The audience should be already acquainted with the work of this golden duet, and, as expected, the book does not only contains a valuable story, but is also a very beautiful object.

The story is about a queen who fighting a sleep epidemic engendering her kingdom from the lands nearby. She leaves alongside the dwarves to the place where this epidemic started and the sleeping beauty lies amongst the thorns. But, lo and behold, nothing is as is seems to be.

Fairy tales with strong female protagonists are becoming more common these days, and I very much enjoyed that now I have a good one to tell my nieces; despite the lack of charming princes, the plot reassuringly draws from two of the best known fairy tales, so that it is oddly familiar but mostly defamiliarising (which, admittedly, is something that Gaiman seems to take pleasure from). The pivotal difference between power and responsibility is also in the limelight, and I find it an important theme to build a story.

I really liked Chris Riddell’s illustrations, and I think the dwarves might be one of his masterpieces: so vibrant and detailed! I found very elegant the black and white color choice, with splashes of gold.

It is a beautiful book, it reads swiftly, but it is also wonderful to brows among the illustrations. Highly recommended.

On a wider note:

If you want to read something else about modernised fairy-tales and you do not mind comics, I strongly suggest taking up Fables, or The StoryTeller.

Alternatively, you can start watching Once Upon a Time, which is not always brilliant, but has some high points and is generally enjoyable.

SYP Conference 2014 – Report

Hello everyone!

On Saturday I went to The Society of Young Publishers‘ Conference 2014. This year’s focus was “the perfect publisher”: what does this mythological creature look like? How do you become the perfect publisher in this era of transitions and innovation in the industry?

Since I enjoyed it a lot, I thought it might be a good idea to talk about it here, and take this opportunity to start a new series of English ramblings on my blog. I plan to do some maintenance soon and tidy up the layout, so that it will be easier to navigate among Italian and English posts (or maybe it will become even more complicated and I will give up blogging for good).

The event was organised in four streams revolving around different areas of publishing (Editors & Agents; Marketing, sales & data; Outside the traditional publishing house; Big ideas), and dedicated career workshops designed to provide practical support for aspiring professionals of the sector.

Being a wannabe-editor, I chose to attend the career workshop of stream 1 (editors & agents); I then attended Who decides what books we buy? The importance of reviewers, bloggers and literary prizes (stream 4, Big ideas) and Kill your darlings, the changing role of an editor (again stream 1).

The conference opened with the speech of Ursula Mackenzie, CEO of Little, Brown. Her talk focused on the role of a publisher in the era of the democratisation of publishing, amazon, and self-publishing.
The role of the publisher was meant to be invisible, she said, in order to put the focus on the relationship between author and readers. However, it is now pivotal that authors and readers understand the value of the publisher and how (s)he can improve the relationship between the two. The real challenge, in Ursula Mackenzie’s opinion, is to make clear that a professional publisher can be a value for the authors’ money and a comfortable place to be.
The digitalisation of books, on the other hand, is not engendering the “conservative” branches of the industry, according to the speaker: although ebooks represent the 27% of the sales of the sector (16% in the UK), the most popular vehicle for book recommendations, is getting to a bookshop and ask the staff; or asking friends. Much to my dismay, it seems that people tend not to discover new books online.

The first career workshop hosted Sarah Juckes, communication manager of CompletelyNovel, and Cathy Wells, HR Director for Hachette UK. The speakers talked about their career and gave very useful tips to apply for editorial jobs, such as commercial awareness, personality, passion, and the ability to read carefully the job add.

After the lunch break, I went to Who decides which books we buy?, with Lucy Pearson and Cathy Rentzenbrink.
Lucy Pearson, who works both for Bloomsbury and the Baileys Women’s Prize, is also a blogger. The decision of keeping a book blog has contributed to start her career in publishing. It was not easy, she told: at first, she got up every morning at 5.45am to read and/or write reviews before going to work. She has also become a proficient user of social media, which now constitute a substantial part of her work as social media manager and digital marketeer. Her talk was inspiring and pushed me to start using more consistently my blog.
Cathy Rentzenbrink is…well, incredible. She manages to be project director of Quick Reads, associate director of The Bookseller, run the BBC Radio Book Club, read a lot for work and pleasure, and, in the meanwhile, she also have a life and a family. She is the ultimate multitasker. For her role at The Bookseller, she needs to go through more than 200 synopsis per month.

Yes, more than TWO HUNDRED. Of course she stressed the importance of receiving clear and concise information about the books, so that she can do her job quicker and more easily. She reads an average of 16 complete books per month (if I remember correctly). She is my new hero.

After lunch, which I spent with some lovely young ladies, it was time for Kill your darlings, with Nick Davies (editor at John Murray Press), Sarah Savitt (editor at Faber) and Kimberley Young (publisher at Harper Fiction). The speakers, telling about their career, stressed once again the importance of the relationship between editor and authors, and how important is to develop mutual trust. The three also underlined that the work of the editor does not limit to edit manuscripts, but involves other varied tasks, aimed to commission and produce successful editorial products to be launched on the market. Among these tasks, for example, it is taking business trips to other cities in order to understand the specific trends of the areas. As a result, the audience had the clear idea that the editor needs to be a round professional, competent and willing to understand multiple aspects of publishing.

The conference concluded with a panel chaired by Alastair Horne, wrapping up the core theme of the conference, the Perfect Publisher. All the speakers had different opinions about the subject: according to Sara O’Connor, fiction digital director at Hot Key Books, the perfect publisher is where the readers are, is a brand, and is profitable; Jonathan Glasspool, managing director of Bloomsbury Academic and Professional, stressed the importance of digital and IT awareness for anyone aspiring to become a publisher; Gareth Howard, CEO and co-founder of Authoright, on the other hand, made the most controversial point of the panel, stating that the battle against Amazon is has already been lost, partly because some publishers claim the right to decide what people should read. This strong declaration divided both the speakers and the public, between those determined (or resigned?) to see Amazon as a partner, and those strongly rejecting the idea; those advocating for democracy, and those defending the quality standards of traditional publishing.

Personally, I still have mixed feelings about these matters. I have already expressed my doubts about some of the recently published substandard and poorly edited products, which I thought to be the legacy of some branches of the self-publishing market running wild. However, I am aware that without this possibility, many good writers may remain unknown to us. Many steps are being made for supporting self-published authors (see, for example, the already mentioned CompletelyNovel and Authoright), and those might become, given time, strong competitors for publishing houses.

The second point is even more disputable: when thinking about this “hot potato”, I do not want to forget that publishing is a business, and, as such, it needs to attune to the fluctuations of the market and the readers’ preferences. For this reason, saying that editors egotistically choose what we should read is in my opinion a necessary but not accurate generalization to raise a debated (and still unsolved) issue. However, being it a generalization, it might engender dangerous assumptions. I hence hope to be wrong.

As the ancestors said, in medio stat virtus.

Scusate se non vi ho amati abbastanza

Alcuni sanno che ho studiato lettere classiche; alcuni altri sanno che non hai mai voluto insegnare. Tuttavia, qualche scherzo del destino (dicasi la disoccupazione e l’affitto da pagare) mi ha portata a svolgere questo lavoro in una scuola anglosassone.

Un paio di settimane fa ho insegnato per l’ultima volta ad una delle due classi, che non vedrò più dopo il loro esame. Sulla via del ritorno ho fatto alcune riflessioni, perlopiù sul perché IO non dovrei insegnare. Ho deciso di pubblicarle qui perché, volente o nolente, sono un’insegnante, ma anche e soprattutto perché sono stata una studentessa. Ho tentato di mettere un po’ d’ordine tra le le mie elucubrazioni, ma ogni volta sembrano diventare più sparse e disordinate, per cui, alla 25esima revisione, getto la spugna e pubblico, nonostante probabilmente manchi un filo logico qualsivoglia. Mi scuso in anticipo per il disagio.

Al termine della lezione, mi sarebbe piaciuto fare un discorso, una cosa semplice per salutare gli studenti e augurare loro il meglio. Non ce l’ho fatta. Sono riuscita a tirare fuori dal cilindro un “best of luck”, per poi uscire dalla classe, presa da un senso di colpevole sollievo. Insegnare a questa classe è stata dura, per varie ragioni. Prima fa tutte, non è semplice continuare quello che qualcun altro ha iniziato, specie se quello che lascia sono undici ragazzini che in quattro mesi avranno un esame. Non è facile, soprattutto perché magari arrivi con le grandi speranze di coltivare la gioia del latino insieme a loro, però poi scopri che non sanno ancora cos’è l’ablativo. Non è facile nemmeno cambiando programma d’esame dopo un mese e mezzo, dopo esserti fatta odiare a suon di declinazioni gerundivi.

Non è facile nemmeno per loro, perché la nuova insegnante usa termini difficili, che fino a quel momento nessuno ha detto loro fossero importanti; perché fa un sacco di grammatica; perché parla a bassa voce e ha un accento strano.

Io però sono entrata in classe e l’ho affrontato, ho imparato il programma di latino della scuola britannica, ho letto i loro libri, ho preparato presentazioni su powerpoint, ho preparato test e dispense. Non sono fatta per insegnare, però.

Sono partita col piede sbagliato, vero. Non ho tuttora alcun accesso al materiale didattico, nessuno si è premurato di darmi lumi sulla reale preparazione dei ragazzi. Presto ho imparato a trovare sgradevole l’insegnamento del “latino finto”, così come le giornate passate a preparare esercizi perché tutti i miei testi sono troppo difficili per loro.

Non ho mai sentito, però, un ambiente incoraggiante intorno a me. Anche gli studenti più dotati sembravano presi dal tedio, per non parlare di chi non ha mai fatto i compiti perché “aveva altro da fare” (e questo è successo sul serio), o chi mi incolpava della partenza dell’insegnante precedente, o chi si faceva un pisolino in classe (…pure questo).

Nonostante tutto, non riuscivo a contrastare questo clima, non solo perché sono autoritaria quanto una nocciolina, ma anche perché, nonostante siano passati dieci anni da quando ho messo piede per la prima volta al liceo (ma che, davvero?), mi ricordo ancora perfettamente com’è stare dall’altra parte della cattedra. Forse è anche per questo che l’insegnamento mi risulta alieno: sono stata studentessa per la maggior parte della mia vita e probabilmente mi sento ancora tale, più che insegnante.

Forse, quando vedevo i loro visi confusi, smarriti, distratti o arrabbiati, avrei dovuto tendere la mano, venirvi incontro, “abbracciarvi” e dirvi che nonostante tutto io vi volevo bene, a modo mio, e che saremo arrivati insieme all’esame. Forse avrei dovuto alzare un po’ di più la voce, arrabbiarmi, farvi capire che ci tenevo. Mi dispiace, non vi ho amati abbastanza.

Ho sempre pensato che la relazione allievo-insegnante si basasse sul dare e il ricevere, sull’essere umili, e imparare l’uno dall’altra, ma ogni mercoledì mi sembrava che la maggior parte delle mie parole rimbalzasse contro un muro per finirmi direttamente in fronte. Insegnare non è un monologo, e io non mi chiamo Amleto.

Sono riuscita, in questi giorni a prendere le distanze e a ripensare alla faccenda un po’ più lucidamente, a ripensare a cosa nel mio atteggiamento potesse essere sbagliato: la verità è che sono fin troppo brava a mettermi pressione da sola. Ogni settimana era un perpetuarsi delle seguenti domande: “avranno capito?”, “avranno trovato la lezione interessante?”, “si staranno annoiando?”, “cosa ho fatto di male?”, “perché non riesco ad essere l’insegnante che vorrei?”. Tutto questo problematizzare e intimizzare il mio lavoro, la mia immaturità nel campo, per certi versi, non fanno di me una buona insegnante: predo i segnali troppo sul personale e reagisco mettendomi sulla difensiva, chiudendomi a riccio, senza riuscire a tendere la mano.

Cari alunni, quindi, mi dispiace che nel grande schema delle cose vi sia toccata questa versione abbozzata, insicura e caricaturale di insegnante. Ve lo giuro, io amo parlare del latino, ma non sono riuscita a trasmettervi questa bellezza. Forse a voi non sarebbe interessata, forse a voi va bene la facciata di terme e gladiatori che vi propinano in questo corso, ma ci avrei dovuto provare, vi avrei dovuto tendere questa stramaledetta mano, che fosse per accompagnarvi gentilmente o richiamarvi all’ordine.

Ave atque vale,

Miss T.

Chasing Patrick Rothfuss (and Scott Lynch)

Allora….abitare a Londra ha parecchi vantaggi. Oltre alle ovvietà che vi saranno venute in mente, io aggiungo che ci sono biblioteche, tante biblioteche. E librerie, a centinaia. E università, e convegni, e conferenze. Insomma, un paradiso della -nerditudine- conoscenza per i disperati wannabe-studenti come me.

Il mese scorso sono stata al Keeling Colloquium sulla filosofia antica. Visto che vedo già pomodori all’orizzonte, vengo al sodo. Quella stessa settimana, Patrick Rothfuss, autore di The Name of the Wind (di cui ho cantato le lodi nel mio post precedente), era a Londra per una signing session da Forbidden Planet. Non starò qui a raccontarvi delle peripezie per arrivarci e del mio status psicofisico da sopravvissuta ad un’overdose di filosofia antica e aulin: saltiamo al fatto che sono giunta in loco per sentirmi dire che la fila era già troppo lunga e che quindi io, armata di una caparbietà mai vista prima, ho deciso di spostarmi alla location della Q&A e di attendere. L’evento si è svolto al The Phoenix Artist Club, posticino accogliente di atmosfera piuttosto rilassata; sono riuscita a raggiungere il luogo più o meno alle 18.30. I due scrittori sono riusciti a raggiungere il locale non prima delle 21.00: la fila dei fans accorsi per un autografo era molto lunga e non volevano mandarli via senza averli accontentati. 

Nella sfortuna generale, in realtà mi è andata abbastanza bene: la sala era già quasi piena al mio arrivo, così che ho finito per condividere il tavolo con altri tre ragazzi conosciuti lì che si trovava esattamente dove sta il palco: in un paio d’ore, ho avuto gli autori letteralmente ad un palmo di naso. Ma veniamo alle Q&A vera e propria, quella prima di cui il buon Pat ha dovuto far presente che non voleva domande riguardo all’uscita dell’attesissimo terzo volume della saga The Kingkiller Chronicle (né riguardo alla propria barba).

  1. a P. Rothfuss è stato chiesto come procedevano i lavori per Worldbuilders (una charity fondata dall’autore che si occupa di raccolta fondi tramite la vendita di gadget e copie autografate di libri e giochi collezionabili, col contributo di altri autori – tra i quali, Neil Gaiman). L’autore ha dichiarato che i lavori stavano procedendo bene (ora la charity è attiva, NdA), anche grazie al contributo di altri autori che avevano deciso di collaborare. Rothfuss ha aggiunto anche che è in lavorazione il nuovo calendario….quindi stay tuned e pensateci, per una buona causa!
  2. Ai due autori è stato chiesto successivamente riguardo le lettere di rifiuto che hanno ricevuto tentando di pubblicare i loro lavori. Mentre Scott Lynch ha rivelato che l’unica lettera di rifiuto gli è stata inviata dalla Steve Jackson Games (Lynch, infatti, prima di darsi alla scrittura, si occupava di game-design, NdA), rivelando una storia editoriale abbastanza tranquilla, Patrick Rothfuss ha molto più da dire: ha affermato di non aver mai provato a far pubblicare il suo primo libro almeno per i primi otto anni. Appena finita la stesura, decise di provare a contattare l’agente di Neil Gaiman (giusto per volare basso….), che ovviamente rispose con un due di picche. L’autore comunque ha ammesso di riconoscere che all’epoca il manoscritto aveva parecchie carenze (non c’erano Devi, Auri e parte dei personaggi, Master Lorren non aveva alcun problema con Kvothe e lo aiutava nelle ricerche, e così via) e che riconosce che le prime cinquanta pagine siano tuttora molto lente, nonostante siano stati fatti molti progressi rispetto alla versione precedente. Entrambi poi hanno espresso un certo astio nei confronti di quegli editori che invece di aiutarti nel tuo percorso verso la pubblicazione, tentano di rifilarti un libro di consigli da loro appositamente scritto.
  3. Successivamente, il pubblico ha chiesto quale fosse il ruolo degli editori nella pubblicazione del libro. Entrambi hanno concordato sul fatto che la supervisione del loro editore ha contribuito a migliorare di molto il risultato finale. Patrick Rothfuss fornisce dettagli ulteriori: la sua editor lo ha aiutato molto a diventare un autore “pubblicato”. Ha dichiarato che è molto semplice scrivere per hobby, ma il fatto che d’un tratto diventi un lavoro non è un passaggio sempre facile da affrontare. Si è accorto di questo durante la stesura del secondo libro, The Wise Man’s Fear, durante la quale non riusciva a bilanciare la vita privata con la scrittura. Alla scadenza lo scrittore inviò il lavoro fatto e la sua editor lo chiamò dicendogli che il libro non sarebbe mai stato pronto in tempo per la pubblicazione; Patrick disse che avrebbe scritto 13 ore al giorno, perché aveva promesso ai lettori che sarebbe stato pronto; lei, però, tolse il libro dalla produzione per permettere a Patrick di lavorare con calma senza trascurare la propria vita e se stesso (durante la stesura era ingrassato di “10 stones”, NdA). Per questo Rothfuss è particolarmente grato alla sua editor, per aver aiutarlo a muoversi in questa nuova dimensione senza ledere la sua quotidianità.
  4. La  domanda successiva riguardava la struttura: come hanno deciso i due autori di optare per il narratore onnisciente piuttosto che la narrazione in prima persona o altro? Scott Lynch è del parere che la narrazione in prima persona non avrebbe permesso di rivelare importanti particolare ai lettori, ed è quindi molto più comoda; Patrick Rothfuss ha optato per una narrazione a cornice, in modo da avere sia la narrazione onnisciente, che una certa tensione nella storyline.
  5. Successivamente è stato chiesto riguardo a possibili adattamenti cinematografici delle opere di Lynch e Rothfuss. Entrambi gli autori furono contattati per probabili progetti, ma niente è andato finora in porto.
  6. Infine, è stata chiesta una citazione preferita. Ammetto di non ricordare la risposta di Scott Lynch (non conosco le sue opere…), chiedo venia. Patrick Rothfuss risponde: “Do you know how strange that is to me?” (Denna, parlando delle maniere di Kvothe durante un’incursione notturna nel giardino del Maer, NdA); questa domanda, secondo l’autore, racchiude l’essenza del rapporto tra Kvothe e Denna.

Dopo la sessione, entrambi gli autori hanno accettato di autografare le copie di coloro che non erano riusciti ad averlo in precedenza. Anche io sono quindi riuscita e io e il mio ragazzo abbiamo fatto anche un paio di foto con lui. Sono una bambina felice…. 🙂

Foglie nel vento e parole nuove

Gentili 25 lettori (o meno),

è il momento di riprendere ad aggiornare questa landa dimenticata che mi ostino a chiamare blog (?). In questo tempo ci sono stati parecchi giri di vita e poco tempo per leggere (mi sono ritrovata a vivere e studiare a Durham – praticamente a Grande Inverno, per intenderci – e ora sono stata catapultata a fare la disoccupata a Londinium). Nel frattempo i miei regimi di lettura sono drasticamente mutati: tenere il passo con i compiti (qui li chiamano assignements, che è una definizione decisamente più dignitosa applicata ad un percorso post-laurea) e quindi leggere tutta la giornata mi ha spinta per la maggior parte del tempo a ricercare svaghi che non implicassero tenere gli occhi incollati sul altre pagine stampate. O, più semplicemente, mi addormentavo senza vergogna dopo aver letto articoli accademici per ore.

Durante la scrittura della tesi, stranamente, sono riuscita a ristabilire un ritmo quasi salutare di scrittura-lettura-riposo, così da riuscire a leggere un libro intero senza pause di settimane – o mesi – tra un capitolo e l’altro. Trattasi di The Name of the Wind di Patrick Rothfuss, primo della serie denominata The Kingkiller Chronicle.* Questo libello – di più o meno 800 pagine – è stato scelto per una serie di motivi piuttosto fortuiti: comprato mesi fa in super sconto da Foyles a Londra, poi scaricato al mio ragazzo per mancanza di tempo, rientrò in mio possesso quest’estate con l’ammonimento “devi assolutamente leggerlo il prima possibile”. Non mi sembrava una lettura particolarmente impegnata, quindi ho iniziato…e non l’ho più lasciato. Ma veniamo ai fatti.

  1. The Name of the Wind è un romanzo fantasy: c’è un nebuloso tempo passato non meglio definito, c’è una guerra incombente e c’è la magia – un sacco di magia. Fin qui, tutto normale. Il problema è che c’è anche un’università (“University” in originale) in cui si insegna la magia, nelle sue declinazioni più disparate, quali l’alchimia, la scienza dei nomi ed altre cose che fondamentalmente ignoro come tradurre in italiano. A questo punto, molti di voi tuoneranno con un “ma c’è già in Harry Potter!”. Signori e signore, mi permetto di dissentire: sebbene le vicende narrate si riferiscano alla pubertà ed adolescenza del protagonista, il plot è decisamente più adulto. Mentre non avrei alcuna remora a consigliare la lettura di Harry Potter alla mia nipotina di 9 anni, il target d’età del ciclo di Rothfuss è sicuramente più alto.
  2. The Name of the Wind è il fantasy che vuoi leggere perché è fantasticamente coerente. Pur proponendo la classica ambientazione “cappa e spada”, in un certo senso, non è mai scontato o banale. L’elemento magico, invece di rappresentare una facile via d’uscita per giri di trama audaci e altrimenti inspiegabili, è uno degli elementi portanti del mondo della Kingkiller Chronicle. La magia è spiegata razionalmente, analizzata accademicamente. Rothfuss ha creato un tipo di magia accessibile anche alla mente più razionale che, se non mossa da meraviglia e stupore (che comunque non mancano), ne ammirerà l’artificio narrativo.
  3. Kvothe, il protagonista, è una Mary Sue. Per chi non avesse la più pallida idea di cosa stia parlando, avete presente quando state leggendo una storia e il protagonista è talmente perfetto da risultare fastidiosamente artificioso? Quando un personaggio è competente in qualsiasi disciplina accademica, arte marziale ed è pure bravo in cucina? Ecco, quella è una Mary Sue. Strano a dirsi, Kvothe è un esempio più unico che raro di Mary Sue credibile.
    Ok, forse non credibile, ma la cui storia ti appassiona e al cui destino ti affezioni. Sarà anche perché il nostro fedele Pat gli ha anche cucito addosso una notevole dose di sf….ehm, sventura? Kvothe è terribilmente brillante, ma ciò, più che salvargli la vita, lo porta a ficcarsi in guai via via più grossi.
  4. The Name of the Wind è un bel libro. Quando uso l’aggettivo “bello”, non intendo solo che la storia è appassionante, che i personaggi sono interessanti ecc., intendo, soprattutto, ben scritto. Durante la lettura, si percepisce l’estrema cura che l’autore ha dedicato alla scrittura. La prosa è scorrevole, elegante e ben strutturata. Mettiamola così: a confronto con gli svariati vomiti di parole che si trovano sugli scaffali fantasy negli ultimi tempi, The Name of the Wind è un pranzo gourmet: è un libro che ti sazia.

Ovviamente a scoraggiare i più potrebbe essere appunto che The Name of the Wind fa parte di una trilogia non ancora completa. C’è da dire che, nonostante il caro Pat si prenda il suo tempo per scrivere e fare le cose per bene, la lettura del secondo volume vi terrà occupati più o meno allo stesso modo del primo (ebbene sì, è anche più lungo), quindi sapete come ingannare l’attesa. E, nel caso doveste finire prima che Rothfuss abbia ultimato l’ultimo volume, passate a The Ocean at the End of the Lane di Nel Gaiman.

Questa, però, è un’altra recensione.

 

*Il libro è stato pubblicato in italiano da Fanucci con il titolo Il Nome del VentoIn questo post, tuttavia, si fa riferimento all’edizione inglese, essendo quella da me letta.

Panegirico delle lingue dimenticate

I pochi che mi seguono sapranno per certo che ho scelto di dedicarmi allo studio delle lingue antiche, dicasi il greco ed il latino. A queste ultime si sono aggiunte, nell’ultimo anno, anche l’ebraico biblico e l’accadico. Questi affascinanti idiomi spesso dimenticati, però, sono spesso definiti morti. Sì, certo, tristemente queste lingue non vengono più parlate nella forma studiata da me ed altre anime devote, ma vivono ancora nelle loro moderne trasformazioni – nelle lingue romanze, nel greco moderno. Esse, a loro volta, erano evoluzioni di altri linguaggi arcani, dei quali esistono soltanto ipotetiche ricostruzioni. Questo è il problema: poche lingue muoiono sul serio, sebbene si tenti spesso di ucciderle.

Non sarò qui a dirvi che il latino e il greco vi aprono la mente. Sono frittate che probabilmente vi sarete visti rigirare più e più volte.

Non vi dirò nemmeno che la comprensione dei linguaggi passati è una delle chiavi per capire il linguaggio del presente, perché a molti di voi probabilmente non interessa capire.

Non voglio convincere coloro che pensano che il greco, il latino e tutte le lingue che furono siano inutili vezzi da eruditi: non mi interessano i dialoghi impossibili.

Mi rivolgo a chi ama la cultura, a chi pensa che la nostra storia sia importante. Anche le lingue sono la nostra storia, ed è giusto che restino vive.

Se vi sentite chiamati in causa, firmate la petizione.

Immagine

Leggi l’appello